L'Islanda, la pi¨ grande isola europea dopo la Gran Bretagna, fu invasa dai Vichinghi alla fine del IX secolo e da loro chiamata la "Terra di ghiaccio". Essi vi trovarono un cristianesimo agli inizi, introdottovi da alcuni monaci irlandesi un secolo prima. Pagani come erano, scacciarono i monaci e reintegrarono in modo assoluto l'idolatria.  

Il santo re Olaf II

Ma verso il 1000 l'immigrazione norvegese permise al santo re Olaf II di Norvegia di inviare altri missionari e di proclamare la religione cattolica religione di Stato. Fu cosý che il cristianesimo s'impose a poco a poco: nel 1056 fu eretto il vescovado di Skalholt e nel 1106 quello di Hˇlar. Nel XII-XIII secolo si contavano giÓ sette monasteri che valsero ad estirpare il paganesimo e a rendere tutta l'isola cattolica. 

La Riforma luterana porta distruzione

Nel Medioevo i monasteri, oltre ad essere centri di fede, furono anche centri di cultura in prevalenza mariana. Purtroppo ai tempi della Riforma luterana molti libri liturgici o di pietÓ o di letteratura andarono bruciati e luoghi di pellegrinaggio, monumenti e statue della Vergine furono distrutti. Le rare cose salvate, e spesso allo stato frammentario, pervenute fino a noi, hanno fatto conoscere che su circa 200 chiese che contava l'Islanda, la Madonna era titolare principale di 92 e patrona secondaria di 104 .

Nel nord dell'isola, a Hofstadir, vi era un santuario con una grande statua della Madonna. A Reykjavik ve n'era un altro, ma la statua fu salvata da una famiglia di agricoltori e trasmessa di generazione in generazione fino al 1926, quando fu restituita al vescovo di Reykjavik e posta di nuovo in venerazione nella cattedrale.

Pagine di manoscritti con saghe mariane sono riferite a preti e religiosi, a contadini e cavalieri che, caduti in peccato o in mezzo a qualche grave rischio, ricorrono all'aiuto potentemente efficace della Madre della Misericordia. Ma nel 1544 si scaten˛ la bufera: il re Cristiano III di Danimarca impose con la forza la Riforma protestante. I benefici ecclesiastici furono confiscati, i conventi e i monasteri distrutti e i luoghi di pellegrinaggio soppressi . I due vescovi dell'isola furono eliminati: quello di Hˇlar venne decapitato il 17 novembre 1550 mentre l'altro di Skalholt morý in prigione a Soro in Danimarca. 

Il ritorno alla libertÓ di culto

Le dure ordinanze di Cristiano III, col consenso del clero passato in blocco al Protestantesimo, restarono in vigore fino al 1874, quando il governo concesse finalmente la libertÓ di culto. Dopo un primo invio di missionari nel 1895, ne seguý un altro di Monfortani nel 1903. Con la proclamazione dell'Islanda a Repubblica indipendente in seguito al referendum del 17 giugno 1944, la libertÓ religiosa fu riconfermata.